VIVERE DA IMPERATORE CON 1.000 EURO. TRE ORE DI VOLO, LE CASE A 200 EURO. ECCO DOVE..

 

«Sono arrivato in Bulgaria il 12 giugno 2007, prima ancora che iniziasse la crisi economica in Italia». Ma per Antonio Tutino, proprietario di un piccolo bar a Roma, era comunque arrivata, a 65 anni, l’ ora di cambiar aria. «La scelta, fin dall’ inizio, è stata solo per motivi economici. Nel 2006 avevo una pensione di circa 830 euro. Come avrei potuto vivere in una città come Roma, partendo da un affitto mensile di 650 euro? Anche andando a vivere in un paesino, l’ impatto con la vita giornaliera sarebbe stato duro e non avrei risolto il problema.
La scelta della Bulgaria è stata, allora, casuale anche se voluta. Avevo degli amici bulgari che mi parlavano sempre della Bulgaria come di un Paese dove il costo della vita era bassissimo». Nove anni dopo Tutino si è integrato nella sua seconda patria, tanto da scrivere un libro «Scoprire la Bulgaria» e fondare un blog (http://italia-bulgariasoloandata.blogspot.com/) ricco di indicazioni utili per gli italiani che sempre più spesso chiedono notizie sulla Bulgaria, Paese che vanta una virtù assai invidiabile: una delle tassazioni più basse in Europa, con un’ imposta fissa al 10% per aziende e persone fisiche.
«Con i miei mille euro di pensione qui faccio una vita dignitosa, ad un livello molto superiore della media locale». Un affitto in città non supera i 200-300 euro al mese, un chilo di carne viaggia sui 4 euro, uno di pane non supera il mezzo euro.
«In Bulgaria si vive bene» assicura Franco Tenca, rappresentante a Sofia del sito Mollotutto.com, ex camionista della Marioboselli Jersey di Sant’ Omobono, che ha organizzato di recente il meeting «Pensionati organizzati all’ estero», dedicato a quelli che non ce la fanno ad arrivare a fine mese.
Tenca, in pensione dal 2007 con 1.200 euro al mese, vive nella capitale, Sofia, da ottobre 2009. «Per mangiare – dice – spendiamo 300 euro in due al mese. Anche il fisco non strozza: circa il 18 per cento di tasse e il sei per cento se sei pensionato». Avanzano i soldi per le gite sul Mar Nero, in località piacevoli come Varna.
«Oggi vivo da nababbo e non più da barbone come in Italia». E la Sanità? «Posso dire – afferma Tutino – di essere entusiasta del sistema sanitario nazionale: sono stato curato in maniera ottimale per un tumore alla vescica senza spendere un lev. Probabilmente in Italia non avrei avuto un trattamento migliore. Come pensionati, se siamo iscritti all’ Aire, cioè abbiamo rinunciato alla residenza italiana per avere quella bulgara, abbiamo la possibilità di richiedere all’Inps e poi alla Asl di competenza il mod. E 121. Questo modulo viene compilato dalla Asl che lo spedisce alla omologa bulgara, che ne prende atto e consegna al pensionato un documento con il quale si ha diritto alle cure ospedaliere gratuite. Si ha diritto al medico di base, come in Italia, sempre gratuitamente. Le medicine, invece, in Bulgaria si pagano, ma costano molto meno che in Italia». E poi è sempre possibile stipulare un’ assicurazione sanitaria che copra anche il rimpatrio in caso di necessità.
di Ugo Bertone

FONTE
http://www.liberoquotidiano.it

You may also like...

3 Responses

  1. Mario ha detto:

    Non è vero che scappano tutti qui…parecchi vengono qui è vero, ma la maggioranza seguire un paese con un tempo più clemente e lingua più affine tipo le Canarie, altre località spagnole o anche Portogallo. Dire che si vive da imperatore o altrove si afferma da na babbo è un’ esagerazione propagandistica, si vive decorosamente da vecchia classe media italiana, certo parecchio meglio che in Italia, con una pensione così ma senza scalare tanto e la vacanzina ci sta (ma non mi sembra ‘ sto granché ). Lo dico perché vivo qui da 5 anni, sto molto bene, ma anche perché ho vari amici italiani o che parlano bene italiano, ed ho una pensione molto superiore ai signori citati però confermo NON vivo né da imperatore né da na babbo. .. ci sono delle imprecisioni ma tralascio. ..

  2. Mario ha detto:

    p.s.: quando si fanno certe affermazioni mi viene da temere che vi sia del marketing…Qualche interesse sotto. Io ho scelto coscientemente la Bulgaria e lo rifarei domattina…ma non pubblicizzo la mia scelta che considero personale. Peraltro nelle battaglie donchisciottesteche e allarmistiche di Boeri quel che non si dice (dati Inps) è che in tutto gli italiani all’estero in queste condizioni (non parlo perline stranieri che hanno lavorato qualche anno o anche altri italiani che l’hanno fatto per loro casi personali e che ricevono la pensione minima con iterazione assistanziale) siamo circa 50.000 nella pletora dei circa 20 milioni di pensionati, non mi sembrano proprio numeri significativi…

  3. Marcello ha detto:

    quando si fanno certe affermazioni mi viene da temere che vi sia del marketing…Qualche interesse sotto. Io ho scelto coscientemente la Bulgaria e lo rifarei domattina…ma non pubblicizzo la mia scelta che considero personale. Peraltro nelle battaglie donchisciottesteche e allarmistiche di Boeri quel che non si dice (dati Inps) è che in tutto gli italiani all’estero in queste condizioni (non parlo perline stranieri che hanno lavorato qualche anno o anche altri italiani che l’hanno fatto per loro casi personali e che ricevono la pensione minima con iterazione assistanziale) siamo circa 50.000 nella pletora dei circa 20 milioni di pensionati, non mi sembrano proprio numeri significativi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *